ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mali: Hollande, resteremo fino alla fine della minaccia

Lettura in corso:

Mali: Hollande, resteremo fino alla fine della minaccia

Dimensioni di testo Aa Aa

Senza i soldati francesi il Mali sarebbe occupato dai terroristi. Francois Hollande difende l’operazione Serval. Lo fa dagli Emirati Arabi, dove è stato in visita ufficiale e dove ha ricevuto un’offerta di assistenza materiale e finanziaria.

I militari francesi – che passeranno da 750 a 2500 – lasceranno il Mali una volta avviato il processo elettorale e una volta sparita la minaccia.

“Mi chiedete cosa faremo dei terroristi se li catturiamo? Li distruggeremo. Li faremo prigionieri, se possibile, faremo in modo che non possano più nuocere”, ha detto Hollande, evocando la partecipazione anche dei francesi di stanza negli Emirati, unica base in Medio Oriente. “Non siamo impegnati in un’operazione di difesa di un confine. Quale d’altronde? Non esistono frontiere all’interno del Mali”.

Secondo Hollande dopo i nuovi bombardamenti francesi i ribelli hanno cominciato a ritirarsi dalle grandi città del nord del Mali che occupavano da mesi e non hanno preso Diabali, 400 chilometri a nord di Bamako, ma vi si sono solo rifugiati.

In Mali è atteso l’arrivo di una forza africana, mentre i ministri degli Esteri dell’Unione Europea, giovedì, dovrebbero discutere dell’invio di una missione a sostegno dell’esercito maliano.