ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nord Mali. Fabius: questione di settimane intervento Francia

Lettura in corso:

Nord Mali. Fabius: questione di settimane intervento Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia assicura di voler ridurre al minimo la presenza militare nel Nord del Mali. Ma quello contro gruppi islamici radicali nel Sahel è un conflitto dalle implicazioni e sviluppi internazionali.

Già lo dice l’impegno del Regno Unito che ha messo a disposizione due aerei cargo C-17.

In prima linea i caccia francesi Rafales che bombardano da due giorni le postazioni dei gruppi islamici radicali che hanno preso il controllo del Nord del Mali dal marzo dell’anno scorso.

“Per quanto riguarda il coinvolgimento diretto della Francia è una questione di settimane. Poi potremo dare un appoggio, ma non abbiamo alcuna intenzione di restare a lungo” ha detto il Ministro degli Esteri francese Laurent Fabius.

Da mesi si moltiplicano le testimoninaze delle violenze perpetrate da militanti di Ansar Dine e Al-Qaeda per il Magreb Islamico. La popolazione locale ha, in larga maggioranza, accolto con favore l’intervento francese.

“Benvenuto ai francesi per l’aiuto nella nostra lotta. Vogliamo che continui fino alla liberazione del nostro Nord” dice una residente di Bamako, la capitale.

Le operazioni militari nel Sahel si inseriscono in un contesto di crisi alimentare, climatica e sociale semipermanente. La regione è poi da decenni oggetto delle rivendicazioni tuareg.