ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sicurezza rafforzata in Francia mentre prosegue l'intervento in Mali

Lettura in corso:

Sicurezza rafforzata in Francia mentre prosegue l'intervento in Mali

Dimensioni di testo Aa Aa

L’intervento francese in Mali non ha altro scopo che combattere il terrorismo.

Lo ha detto il presidente François Hollande, precisando che l’operazione, costata già la vita a un pilota francese, ha arrestato l’avanzata dei ribelli nel centro del paese.

I raid aerei e terrestri francesi hanno colpito una decina di obiettivi stretegici e ucciso un centinaio di insorti che da nord puntavano alla capitale.

Riconquistata Konna, caduta giovedì, con i ribelli costretti a ripiegare a decine di chilometri verso nord.

Dopo l’incontro all’Eliseo con il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, l’annuncio della sicurezza rafforzata anche in patria: “La lotta contro il terrorismo esige anche di prendere tutte le precauzioni necessarie qui in Francia”, ha detto il capo di stato francese, “Ho chiesto quindi al primo ministro Jean-Marc Ayrault di rinforzare il piano Vigipirate e di mettere sotto sorveglianza i nostri edifici pubblici e le infrastrutture dei trasporti”.

Sotto stretta protezione francese anche la capitale malièna. Misure eccezionali decise dopo le ritorsioni minacciate dai jihadisti contro la vita degli ostaggi e dei francesi, ovunque essi si trovino nei paesi musulmani.