ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Morti al confine col Kashmir, India convoca ambasciatore pachistano

Lettura in corso:

Morti al confine col Kashmir, India convoca ambasciatore pachistano

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo indiano ha convocato l’ambasciatore pakistano a New Delhi a seguito dell’uccisione di due soldati indiani al confine col Kashmir.

Secondo le autorità di New Delhi, le truppe pachistane hanno sconfinato tendendo un’imboscata ai militari. Circostanze smentite seccamente dal governo pachistano, che aveva a sua volta denunciato, pochi giorni prima, l’uccisione di un soldato e un civile.

Gli episodi hanno fatto riesplodere le tensioni sempre latenti nell’area, mentre le autorità indiane promettono di rispondere all’accaduto.

“L’azione dell’esercito pakistano è di estrema provocazione. La maniera in cui hanno trattato i corpi dei soldati indiani è inumana”.

I cadaveri, infatti, sono stati ritrovati mutilati; secondo indiscrezioni di stampa, non confermate, uno dei due soldati sarebbe stato decapitato, l’altro sgozzato.

Nonostante gli incidenti lungo il confine siano frequenti, le incursioni nel territorio del vicino avvengono raramente, tanto che i media indiani qualificano l’accaduto come il più grave sconfinamento dal 2003.

La tregua, stabilita quell’anno, è stata violata più volte. I due Paesi hanno già combattuto 2 guerre per il controllo sul Kashmir.