ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda del Nord: a Belfast quinta notte di scontri

Lettura in corso:

Irlanda del Nord: a Belfast quinta notte di scontri

Dimensioni di testo Aa Aa

Cinque notti consecutive di scontri, non si placa a Belfast la protesta dei lealisti. Molotov, pietre, mattoni lanciati contro la polizia nordirlandese che ha risposto con pallottole di gomma e idranti.

Gli agenti hanno anche dovuto separare gruppi di unionisti e di nazionalisti dopo una manifestazione di fronte al comune.
“Dopo un mese, la gente è ancora molto arrabbiata e continua a protestare”, dice un manifestante. “E’ una protesta pacifica. Noi non vogliamo che la violenza oscuri il messaggio, chiediamo alla polizia di non essere brutale con i manifestanti, di fare un passo indietro, per non dare alla gente una scusa per commettere violenze”.

La polizia sostiene che paramilitari dell’Ulster Volunteer Force siano coinvolti negli scontri. Denuncia anche la presenza di ragazzini tra i manifestanti.
“Durante il fine settimana ho visto molti giovani di dieci, undici, quattordici, quindici anni, senza il controllo dei genitori, per strada”, afferma Matt Baggott, commissario capo della polizia nordirlandese.

I lealisti contestano la decisione del comune di far sventolare l’Union Jack solo in una ventina di occasioni all’anno. Per l’Irlanda del Nord si tratta di una delle situazioni più critiche dopo gli accordi di pace del 1998.