ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Quale futuro per il chavismo?

Lettura in corso:

Quale futuro per il chavismo?

Dimensioni di testo Aa Aa

Il chavismo proseguirà senza Chavez? La questione si pone in tutto il mondo ma diventa fondamentale nel continente latinoamericano, dove l’influenza politica del presidente venezuelano ha avuto ripercussioni concrete in molti paesi.

Primo fra tutti Cuba, sottolinea Beatriz Lecumberri, giornalista e autrice del saggio “La rivoluzione sentimentale”.

“Tra i due paesi sono stati stipulati moltissimi accordi di tutti i tipi – spiega Beatriz Lecumberri – Di alcuni se ne sa poco e soprattutto le cifre sono poco trasparenti. Credo che in futuro questa relazione bilaterale sarà rivista e che subirà dei cambiamenti. Se sarà Nicolás Maduro a diventare presidente dopo Chavez i rapporti proseguiranno. Se invece sarà l’opposizione ad andare al potere le cose cambieranno e per Cuba la situazione diventerà complicata. Considerato che ora ogni giorno verso l’isola vengono inviati 300 mila barili di petrolio venezuelano.
Credo che Chavez abbia fatto moltissimo per promuovere l’ integrazione in Latinoamerica ma penso anche che questa sinistra che ne è sorta sappia camminare sulle proprie gambe. Chavez non è piú una fonte di ispirazione. Penso alla sinistra brasiliana intorno a Dilma Roussef, che tra l’altro risulta meno esasperata. Vi sono realtà politiche di sinistra molto variegate e tutte valide. Il ruolo da collante di Chavez è stato a suo tempo fondamentale, ma per fortuna tutta le regione ne ha beneficiato ed ora lo ha superato. Bisogna riconoscergli peró il merito di aver unito un continente che come ha piú volte detto lui stesso era considerato un cortile sul retro”.