ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Assad lasci". L'augurio per il 2013 dei rifugiati siriani

Lettura in corso:

"Assad lasci". L'augurio per il 2013 dei rifugiati siriani

"Assad lasci". L'augurio per il 2013 dei rifugiati siriani
Dimensioni di testo Aa Aa

Un 2013 di cambiamenti, che riporti la pace e consenta di tornare in patria. E’ l’auguro che rimbalza di bocca in bocca tra i profughi siriani che hanno trovato rifugio in Giordania.

Piegati da guerra e violenza, molti di quelli incontrati a Ramtha, non lontano da Deraa, non cedono però alla rassegnazione. “Un tempo esprimevamo dei desideri – racconta uno di loro -, ma ora tutto il popolo siriano si augura una sola cosa: la caduta del regime e la partenza di Bashar Al Assad”.

“Il mio auspicio, – gli fa eco una madre di famiglia – è che si possa tornare nel nostro paese e nelle nostre case. Per un avvenire sereno e con i nostri bambini”.

Tremila i siriani che secondo le Nazioni Unite continuano intanto ad affluire ogni 24 ore in Giordania. Arrivi quotidiani, per un totale che in seguito a stallo militare e crescenti violenze sul campo si aggira ormai sul mezzo milione.