ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

New York, l'omicidio del metrò dettato da odio religioso

Lettura in corso:

New York, l'omicidio del metrò dettato da odio religioso

Dimensioni di testo Aa Aa

Avrebbe ucciso perché odia musulmani e hindu. Questa la confessione della trentunenne Erika Menendez, arrestata dalla polizia di New York per aver spinto un uomo sui binari della metropolitana al passaggio del treno.

La procura del Queens l’ha incriminata per omicidio con l’aggravante dei crimini dettati dall’odio. L’episodio, di cui sabato è rimasto vittima un uomo di 46 anni di origine indiana, riaccende le paure di milioni di pendolari newyorkesi.

“Chiunque potrebbe spingerti sotto il treno, è una minaccia davvero inquietante”.

La donna è stata identificata grazie a una segnalazione, dopo che gli inquirenti hanno diffuso il filmato delle telecamere di sorveglianza. A New York è il secondo caso in meno di un mese: il 3 dicembre, un uomo era stato stato ucciso nello stesso modo alla stazione della metropolitana di Times Square.