ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A messa coi cartelli al collo. La replica a Don Corsi delle donne di Carrara

Lettura in corso:

A messa coi cartelli al collo. La replica a Don Corsi delle donne di Carrara

Dimensioni di testo Aa Aa

A messa con i cartelli al collo per dire “no” al femminicidio. La pausa di riflessione presa dal contestatissimo ormai ex parroco di San Terenzo non ferma a Carrara l’ultima iniziativa di protesta, contro il suo volantino delle polemiche.

Rilanciando la provocazione di cui Don Corsi le tacciava nel suo livoroso testo, le donne della città toscana l’hanno cavalcata alzando il tiro e parlando di “problema politico”.

“Abbiamo deciso di fare questa protesta – spiega l’organizzatrice Alessandra Verdini – perché riteniamo che l’ideologia alla base di queste tesi sia un’ideologia condivisa da gran parte della Chiesa e della nostra società e che diventi una delle cause della violenza contro le donne, che in Italia è una vera e propria emergenza”.

“Un vestito non conta niente – le fa eco una delle partecipanti all’iniziativa -. Siamo persone, vogliamo essere rispettate per quello che siamo”.

Fiaccolate e presepi “in rosa” altre forme in cui si sono declinate e moltiplicate le proteste negli scorsi giorni: onda lunga di un maremoto, che tardivi mea culpa e passo indietro di Don Corsi non sembrano poter arrestare.