ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rep. centrafricana, chiusa l'ambasciata Usa

Lettura in corso:

Rep. centrafricana, chiusa l'ambasciata Usa

Dimensioni di testo Aa Aa

Washington ha chiuso per ragioni di sicurezza l’ambasciata statunitense nella Repubblica centrafricana e ha lasciato cadere nel vuoto la richiesta di intervenire per fermare i ribelli nell’avanzata verso la capitale. Appello che il presidente Bozize aveva inviato anche alla Francia e da Parigi il diniego è stato netto:

“Siamo presenti non per proteggere un regime, ma per salvaguardare i nostri connazionali e i nostri interessi – ha detto il presidente francese François Hollande – In nessun caso per intervenire negli affari interni della Repubblica centrafricana. Quei tempi sono finiti”.

La folla che ha assaltato nei giorni scorsi l’ambasciata francese è convinta del contrario: pensa che Parigi invece abbia un ruolo nell’avanzata dei ribelli Seleka verso la capitale Bangui.

La crisi è cominciata il 10 dicembre con il sollevamento di una milizia forte di circa un migliaio di uomini. Il presidente Bozize ha incassato dal Ciad il via libera all’invio di 2 mila soldati per rafforzare l’esercito nazionale, ma resta il dubbio sulla possibilità di fermare i ribelli, il cui fronte è composto da almeno 4 differenti gruppi.