ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: donna licenziata perché "irresistibile"

Lettura in corso:

Usa: donna licenziata perché "irresistibile"

Dimensioni di testo Aa Aa

Se un uomo non riesce a controllare i suoi istinti, la colpa ricade sulla donna che deve averlo provocato. Nel 2012, c‘è ancora chi la pensa così. La Corte Suprema dell’Iowa, negli Stati Uniti, ha avallato la decisione di un dentista che ha licenziato la sua assistente perché la considerava irresistibile.

“Sono distrutta” dice la donna in lacrime. “Non posso fare altri ricorsi, lo Stato era l’ultima opzione.”

La Corte, formata da 7 uomini, ha stabilito che la decisione non costituiva una discriminazione per ragioni di genere. Una sentenza rischiosa, secondo l’avvocato del lavoro Glen Savits: “Forse adesso nell’Iowa le donne dovranno cominciare ad andare a lavorare col burqa per paura che il capo le trovi attraenti e le licenzi.”

La moglie del dentista aveva scoperto alcuni suoi sms scottanti e aveva preteso il licenziamento della assistente, che ha sempre sostenuto di aver rifiutato le avance.