ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Egitto fra i dubbi approva la nuova Costituzione

Lettura in corso:

L'Egitto fra i dubbi approva la nuova Costituzione

Dimensioni di testo Aa Aa

La nuova costituzione egiziana è ufficialmente approvata, ma il paese non è certo pacificato.

Dopo che la commissione elettorale ha ufficialmente stabilito che il 63,8% dei votanti ha detto si a una costituzione basata sulla sharia, la legge islamica. La nuova legge fondamentale concede poteri pressoché illimitati al presidente Mohammed Morsi cominciano ad arrivare le reazioni internazionali.

Washington chiede al presidente democraticamente eletto di mettere fino alle divisioni. Una richiesta che non sembra avere possibilità di essere accolta. Le opposizioni denunciano brogli, ma Samir Abul Maati, capo della commissione elettorale ha affermato che non ci sono prove che non ci fosse un giudice in ogni seggio elettorale.
Perché, secondo la legge egiziana, in ogni seggio ci doveva essere un rappresentante della magistratura. Quest’ultima però, ha pressoché boicottato le due tornate elettorali del 15 e del 22 dicembre. Inoltre, per stessa ammissione della commissione, l’affluenza alle urne è stata vicina al 32%. Secondo la stessa legislazione egiziana un referendum costituzionale dovrebbe vedere la partecipazione di oltre il 50% del corpo votante per essere valido. Una regola che non è stata rispettata.