ULTIM'ORA

Usa: controllo armi resta un "dibattito proibito"

Lettura in corso:

Usa: controllo armi resta un "dibattito proibito"

Dimensioni di testo Aa Aa

Come un fiume carsico, il dibattito sul controllo delle armi negli Stati Uniti riemerge all’indomani di ogni tragedia.

Questa volta è stato il Presidente Obama a parlare della necessità di “azioni significative”. La strada è tutta in salita, nonostante dal 1982 ci siano state 61 stragi. Secondo un sondaggio della Gallup, solo il 44% degli americani è favorevole a norme più severe.

“Gli ultimi tre o quattro incidenti hanno visto coinvolti maschi tra i 15 e i 25 anni. Quella è la fascia di età più pericolosa – sostiene Earl Curtis, proprietario di un Gun Store – Qual è la causa del problema? Sono completamente fuori di testa o si tratta di raptus? Il problema riguarda la salute mentale non il controllo delle armi”.

Negli Stati Uniti, le armi prodotte – non per scopi militari – sono passate dai 3 milioni del 1986 ai quasi 6 milioni dell’anno scorso.

“Vivere in una società dove la vita delle persone è a rischio ogni giorno a causa del diritto di andare in giro con armi cariche, non sbalordisce solo me – spiega Christopher Dodd, ex senatore democratico eletto in Connecticut – Quando impareremo? Quante altre lezioni dobbiamo avere?”.

E nel Paese dove sono presenti oltre 58mila rivendite di armi da fuoco, balza alla cronache un’iniziativa provocatoria che parte da Baltimora. Un supermarket ha lanciato una promozione ai suoi clienti: armi in cambio di buoni pasto da 100 dollari. Nella sola giornata di sabato sono state raccolte 500 tra pistole e fucili.