ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I leader Ue discutono di unione monetaria e crescita

Lettura in corso:

I leader Ue discutono di unione monetaria e crescita

Dimensioni di testo Aa Aa

Si apre a Bruxelles il sesto e ultimo vertice del 2012 tra i Capi di Stato e di Governo europei.

Sul tavolo: unione monetaria e rilancio della crescita economica e della competitività. Il summit arriva a un giorno dall’accordo all’Ecofin sulla centralizzazione della vigilanza bancaria alla Bce.

Giunta al Justus Lipsius, sede del summit, Angela Merkel ha dichiarato: “C‘è ancora molto da fare: a partire dalla supervisione bancaria – in modo che possa entrare in vigore nel 2014 – ma soprattutto riguardo la coordinazione delle politiche economiche tra i 27 in modo da rafforzare la competitività dell’Eurozona”.

Tra i temi in agenda di un’altra lunga notte di negoziati anche la Grecia. Sempre ieri l’Eurogruppo ha approvato lo stanziamento di 49 miliardi di euro, oltre ad aver autorizzato il riacquisto da parte di Atene dei propri titoli.
Appena giunto a Bruxelles, Jean-Claude Juncker ha mostrato un cauto ottimismo sui risultati raggiunti, richiamando l’attenzione sulle sfide che ancora attendono l’Europa. “Abbiamo fatto un grande passo avanti” ha affermato Juncker, che ha aggiunto:“Riguardo la Grecia, non si era mai visto un buyback del debito di queste proporzioni. Va detto: é stata un’impresa e possiamo solo sperare che vada bene. E per il momento é stato così, nonostante ci siano state alcune deviazioni rispetto ai dati previsti”.

Il vertice di oggi si apre di nuovo all’insegna delle divisioni tra i 27. Gran Bretagna e Svezia hanno già annunciato di essere contrarie all’aumento dei poteri della Bce.