ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: opposizione "no al referendum", anche giornalisti in piazza

Lettura in corso:

Egitto: opposizione "no al referendum", anche giornalisti in piazza

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Presidente Morsi fa un passo indietro, ma in Egitto non si ferma la protesta.

Il capo dello Stato ha revocato il decreto costituzionale sostituendolo con un nuovo testo che elimina la parte riguardante i suoi poteri in caso di emergenza nazionale, ma lascia inalterata l’inappellabilità delle sue decisioni.

Il Fronte di Salvezza Nazionale, che riunisce le principali formazioni dell’opposizione egiziana, ha confermato di voler boicottare il referendum sulla costituzione previsto per il 15 dicembre.

“Il Fronte di Salvezza Nazionale ribadisce il suo rifiuto al referendum – spiega il leader del movimento Sameh Ashour – perché significherebbe spingere il Paese verso un’ondata di violenze’‘.

Violenze che rischiano di divampare già questo martedì, quando scenderanno in piazza le opposizioni, per dire no alla consultazione referendaria, e le formazioni vicine ai Fratelli musulmani per sostenerla.

“Appoggiamo in pieno tutte le decisioni prese da Mohamed Morsi – deve Jamel Abdel Rahman al-fi’ky, sostenitore del Presidente – Saremo al suo fianco fino a quando il Paese non sarà purificato dalla rabbia, perché ci sono tante persone che non vogliono bene all’Egitto”.

L’ennesima giornata di passione vissuta al Cairo ha visto anche la protesta dei giornalisti della tv pubblica. Denunciano di aver subito pressioni dai Fratelli musulmani vicini al ministro dell’Informazione.