ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'ultimo saluto a Niemeyer nella sua Brasilia

Lettura in corso:

L'ultimo saluto a Niemeyer nella sua Brasilia

Dimensioni di testo Aa Aa

L’omaggio funebre ufficiale a Oscar Niemeyer non poteva che essere organizzato nella sua Brasilia, la città visionaria che concepì come “capitale della speranza”, simbolo della rinascita del Brasile degli anni ’60. Il grande architetto brasiliano è morto ieri, all’età di 104 anni. Al Palazzo del Plananlto, da lui stesso disegnato e sede della Presidenza della repubblica, l’estremo saluto delle autorità e della famiglia.

Vicine al feretro, la seconda moglie, Vera Lucia Cabreira, sposata 6 anni fa, e la presidente del Brasile Dilma Rousseff. L’unica figlia, Anna Maria, era morta nel giugno scorso, a 82 anni.

Sposare la naturalezza della curva alla malleabilità del cemento armato, questo era il credo di Niemeyer, che era partito dagli insegnamenti di Le Corbusier per creare un linguaggio totalmente libero e personale.

I funerali, in forma privata, sono previsti a Rio de Janerio, la sua città, dove ha continuato a lavorare, nello studio vicino alla spiaggia di Copacabana, praticamente fino all’ultimo.