ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Natale e Capodanno: la crisi riduce i consumi

Lettura in corso:

Natale e Capodanno: la crisi riduce i consumi

Dimensioni di testo Aa Aa

Un Natale con qualche luce e tante ombre, segnato dalla crisi che in diversi paesi europei perterà in regalo un calo marcato dei consumi e della spesa per i regali. L’Italia non fa eccezione. La Confesercanti ha calcolato che per i doni si spenderanno 700 milioni di euro in meno rispetto all’anno scorso.

In media il calo nell’Unione sarà dello 0,8%. I greci, impoveriti dalle misure di austerity, saranno costretti a stringere la cinghia piu’ di tutti. Ma anche in Portogallo non si scherza e neppure in Spagna.

I fortunati che riceveranno la tredicesima useranno il tesoretto innanzitutto per tappare i tanti buchi del bilancio familiare. La stretta rischia di farsi sentire soprattutto in quei paesi dove comparativamente si spendeva di piu’ per le feste di fine Anno. In Portogallo nonostante tutto gli addobbi natalizi sono stati preservati costi quel che costi. Il settore in cui i tagli rischiano di fare piu’ male è quello alimentare: in Spagna il torrone è uno dei dolci tipici delle feste. Quest’anno le vendite sono in calo del 10%.

Con dei budget ridotti all’osso occorre lavorare di fantasia: ed ecco allora svelato il perchè del successo dei siti on line e delle promozioni.
Quest’anno il 90% degli europei privilegiano acquisti di questo tipo. L’anno scorso erano solo il 72%.

Ci sono paesi che pero’ la crisi la sentono poco. I francesi nonostante l’andamento non proprio brillante della loro economia spenderanno leggermente di piu’ dell’anno scorso. I tedeschi poi sono i piu’ fortunati: il loro budget è in netta crescita. Il loro Natale potrebbe essere davvero in controtendenza.