ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Commissione UE vuole piu' mobilità per i giovani senza lavoro

Lettura in corso:

La Commissione UE vuole piu' mobilità per i giovani senza lavoro

Dimensioni di testo Aa Aa

Una generazione sacrificata sull’altare della crisi.
Le cifre della Commissione Europea parlano chiaro: un giovane europeo su 5 è senza lavoro, la percentuale in alcuni paesi come la Spagna è ancora piu’ alta: un under 25 su 2 è disoccupato. L’Europa sembra impotente di fronte al progredire di questa piaga.

Vedremo se le misure annunciate questo mercoledi a Bruxelles serviranno a iniziare un’inversione di rotta. L’obiettivo è favorire la mobilità nel mercato del lavoro dell’Unione Europea.

“Intendiamo rafforzare le misure destinate all’occupazione giovanile alla formazione e all’apprendistato – ha spiegato il commissario agli affari sociali Andor. L’obiettivo è sviluppare un programma che possa fornire maggiori opportunità ai giovani a cui saranno offerti percorsi educativi e lavorativi allargati agli altri Stati membri”

Tra i giovani fino ai 25 anni il tasso di disoccupazione è elevato soprattutto nei paesi del sud Europa.
Spagna, Grecia, Portogallo, Italia.

La Francia seconda economia della zona Euro registra anch’essa percentuali preoccupanti
Gran Bretagna, Svezia e Finlandia hanno un tasso di disoccupazione giovanile inferiore al 25%.
In Germania, come in Olanda, Austria e Danimarca la percentuale scende sotto al 15%.

Il pacchetto di garanzie preparato dalla Commissione europea prevede che a tutti i giovani sino ai 25 anni venga prospettata una formazione entro quattro mesi dalla fine degli studi o dall’inizio del periodo di disoccupazione.
A questo scopo dovranno essere usati i fondi comunitari in particolare quello sociale. Sono previste anche consultazioni con le parti sociali.