ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: il boicottaggio dei giudici contro Morsi

Lettura in corso:

Egitto: il boicottaggio dei giudici contro Morsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il sit-in permanente dell’opposizione contro i pro-Morsi che accerchiano l’Alta Corte: riflessi di un Egitto spaccato da una nuova Costituzione e da un potere politico che si vuole più forte.

Scelgono il boicottaggio i giudici, in sciopero e costretti a rinviare la decisione sulla legittimità dell’Assemblea costituente e del Consiglio consultivo.

“I giudici egiziani si rifiutano di supervisionare i seggi durante il referendum sulla Costituzione fissato per il 15 di dicembre”, ha annunciato il capo del Club dei giudici, Ahmed el-Zend, “È la nostra risposta al cosiddetto decreto costituzionale e lo sarà fino a quando il decreto non sarà annullato o congelato insieme a tutti i suoi articoli”.

E intanto le opposizioni annunciano un martedì di grande mobilitazione davanti al palazzo presidenziale, per quello che definiscono un ultimo avvertimento al presidente Morsi e ai suoi. Nessun giornale inoltre sarà in edicola, anche i giornalisti incrociano le braccia.