ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: Hiv in aumento tra le donne incinte

Lettura in corso:

Ucraina: Hiv in aumento tra le donne incinte

Dimensioni di testo Aa Aa

La giornata per la lotta all’Aids, in Ucraina, assume un significato particolare.

Perché è il paese europeo con il più alto numero di contagiati: 230 mila persone convivono con il virus su 46 milioni di abitanti.

E perché c‘è un legame sempre più stretto tra Hiv e gravidanza, tra Hiv ed eterosessuali.

Per quanto riguarda le donne incinte, denuncia l’Unicef, i casi aumentano del 20-30 per cento l’anno.

“Secondo le statistiche ufficiali, la principale via di trasmissione del virus HIV è eterosessuale”, spiega Tetyana Tarasova dell’UNicef, “Dunque non è possibile dire che l’infezione si diffonda in particolare tra i gruppi a rischio, come quelli, per lo più stigmatizzati, dei consumatori di droga”.

Quindici anni fa, il 40 per cento dei neonati contraeva l’Hiv dalla madre infetta. Oggi, grazie alla prevenzione, dieci volte meno ma la mancanza di fondi ostacola spesso l’accesso alla terapia.

“Quando ho saputo di aspettare un figlio, ho avuto sentimenti contrastanti”, racconta a euronews una sieropositiva, al quinto mese di gravidanza, “Ho pianto, temendo di non essere in grado di far nascere un bambino, un bambino sano. Nello stesso tempo ero contenta di essere incinta. Conosco molte ragazze che hanno ottenuto la terapia antiretrovirale, i loro bambini sono sani, quindi non ho avuto paura”.