ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: la violenza nelle carceri al tempo di internet

Lettura in corso:

Russia: la violenza nelle carceri al tempo di internet

Dimensioni di testo Aa Aa

Cinque secondini sono stati arrestati in Russia per aver violentemente picchiato un detenuto. Anche a causa di queste violenze erano scoppiati tumulti in diversi istituti di pena, violenze che erano state mostrate in un video postato su internet.

Ma queste pratiche sembrano ben più diffuse di quanto appaia come ammesso dalle organizzazioni umanitarie: “Sfortunatamente la polizia e il sistema penitenziario della regione di Chelyabinsk sono conosciuti perché nel 2008 quattro detenuti sono stati uccisi e perché il capo dell’amministratzione penitenziaria aveva cercato di insabbiare lo scandalo”.

A dieci anni dall’avvento di Vladimir Putin al potere dunque, la malapianta delle violenze carcerarie non sembra estirpata in Russia. Molte violenze non vengono denunciate, soprattutto nelle province più sperdute dell’enorme entroterra russo, ma internet e i social network sono diventati la nuova arma per informare l’opinione pubblica e spingere il governo centrale a prendere provvedimenti.