ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Egitto laico contro Morsi, scontri in tutto il Paese

Lettura in corso:

L'Egitto laico contro Morsi, scontri in tutto il Paese

Dimensioni di testo Aa Aa

In piazza Tahrir, al Cairo, gli slogan che un anno fa erano rivolti a Hosni Mubarak, oggi vengono indirizzati a Mohamed Morsi.

L’anima laica della rivoluzione egiziana torna in piazza contro la decisione del primo presidente eletto di attribuirsi poteri eccezionali.

Le manifestazioni non si sono limitate alla capitale: due i cortei ad Alessandria e violenti scontri a Mahalla, nel Delta del Nilo.

“La disoccupazione è in aumento e la gente è stanca, le persone invitano in piazza gli esponenti del vecchio regime – dice un dimostrante del Cairo, Abdel Hamid Ramadan – Sono persone istruite, studenti universitari, medici. Persone eccezionali. Quello che sta facendo il governo è inaccettabile. La polizia ci spara addosso e posso testimoniare che non è stato lanciato un sasso. Ci sparano addosso senza motivo”.

La presidenza egiziana ha comunicato che il decreto Morsi sull’inappellabilità delle decisioni del capo dello Stato non verrà ritirato.

Si attende il 4 dicembre, quando il Consiglio di Stato terrà la prima udienza sui 12 ricorsi contro la norma costituzionale.

Intanto salgono a tre le vittime di questa settimana di scontri: un esponente dell’Alleanza popolare socialista è morto asfissiato dai gas lacrimogeni lanciati dalla polizia. Nel tentativo di allentare la tensione, i Fratelli musulmani hanno annullato una contro manifestazione a sostegno del presidente.