ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Richiusa la tomba di Yasser Arafat

Lettura in corso:

Richiusa la tomba di Yasser Arafat

Dimensioni di testo Aa Aa

Una equipe medica ha prelevato dei reperti per indagare sulle cause della sua morte
 
 
 
 
E’ tornato nel suo sepolcro, il corpo di Yasser Arafat dopo essere stato esumato nel quadro dell’inchiesta sulle cause della sua morte, avvenuta l’11 novembre di 7 anni fa.
 
Dalle spoglie dell’ex leader palestinese sono stati prelevati dei campioni di tessuto da una equipe franco-svizzera affiancata da esperti russi. Tuttavia potrebbero passare diverse settimane prima che gli scienziati diano un responso: il Presidente dell’Anp venne avvelenato col polonio o morì per cause naturali? E’ quanto intende verificare la vedova di Arafat, quanto già suggerito da un team svizzero e poi denunciato da un’inchiesta della tv Al Jazeera.
 
Non a tutti in Cisgiordania è piaciuta l’idea di disseppellire il leader palestinese. Ma pochi sono i dubbi sul suo avvelenamento.
 
“Sono d’accordo con l’esumazione perchè Arafat non è morto per cause naturali e vogliamo sapere di cosa è morto”.
 
“Sono contrario all’esumazione perchè che Arafat sia stato avvelenato è un fatto. Non c‘è bisogno di esumare il suo corpo, c‘è bisogno di sapere chi l’ha ucciso”.
 
Yasser Arafat è deceduto nel 2004 in un ospedale militare a Parigi. Negli ambienti palestinesi è sempre circolata più o meno apertamente l’idea che la sua morte sia stata frutto di un complotto organizzato da Israele. Lo Stato ebraico definisce ridicola l’accusa.