ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ilva: 7 arresti. Azienda annuncia chiusura totale. Taranto occupata

Lettura in corso:

Ilva: 7 arresti. Azienda annuncia chiusura totale. Taranto occupata

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ilva gioca la carta più grossa: l’azienda siderurgica annuncia la chiusura totale del sito produttivo di Taranto come conseguenza degli ultimi sviluppi giudiziari: 7 persone sono state arrestate nell’ambito dell’inchiesta per disastro ambientale.

Una decisione con effetti a catena per gli impianti di tutta Italia: Genova, Novi Ligure, Racconigi, Marghera e Patrica, che trattano l’acciaio prodotto in Puglia.

La magistratura ha inoltre disposto il sequestro di tutto il materiale uscito dalle acciaierie di Taranto negli ultimi mesi in violazione del blocco produttivo scattato lo scorso 26 luglio. Il Procuratore Capo di Taranto Franco Sebastio:

“Non è solamente un’indagine per così dire tecnica, ma c‘è qualcosa di più: ci sono alla base di questa indagine dei principi di civiltà” ha detto in conferenza stampa.

Ora lo scontro è totale fra sindacati e dirigenza, accusata inoltre di aver tentato di corrompere parti della magistratura: di fatto gli impianti di Taranto sono occupati dagli operai e l’Unione Sindacale di Base sta organizzando presidi esterni.

La bomba sociale pronta ad esplodere è tale da obbligare il governo a fissare immediatamente, per giovedì a Palazzo Chigi, un vertice tra parti sociali e istituzioni locali. La decisione dell’Ilva riguarda direttamente 5.000 lavoratori, ma quasi 20.000 sono gli operai legati all’acciaieria in tutta Italia.