ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Destra e sinistra: divise nelle idee, unite contro Monti

Lettura in corso:

Destra e sinistra: divise nelle idee, unite contro Monti

Dimensioni di testo Aa Aa

Cominciato con gli studenti, il sabato capitolino è finito con l’estrema destra in piazza, in una rara opposizione condivisa al rigore del governo Monti.

Casapound, neofascismo dichiarato, ne ha approfittato per ufficializzare la propria candidatura alle prossime elezioni.

In simultanea, si è svolta la contromanifestazione degli antifascisti.

Nel pomeriggio, a sfilare erano stati le donne e i Cobas degli insegnanti che hanno detto no ai tagli, al blocco di anzianità e dei contratti, alla paventata privatizzazione della scuola. E sì a condizioni lavorative migliori:

“Nella scuola dove io lavoro, tutto è fatiscente, c‘è l’alta tecnologia ma è pericolossima per i bambini”, denuncia una maestra, “Basta un minimo di terremoto e 750 bambini rischiano di morire”.

Il sovrapporsi delle manifestazioni ha messo in allerta le forze dell’ordine che, memori degli scontri del 14 novembre scorso, hanno blindato Roma e differenziato i percorsi dei diversi cortei.

Ma stavolta la protesta, trasversale e generalizzata, si è rivelata anche pacifica.