ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bilancio Ue, il rinvio delle discussioni allontana il pericolo britannico

Lettura in corso:

Bilancio Ue, il rinvio delle discussioni allontana il pericolo britannico

Dimensioni di testo Aa Aa

Divergenze su tagli e spese.Durante la due giorni di vertice a Bruxelles i leader europei sono stati in disaccordo su tutto, tranne che sul rinvio delle discussioni sul bilancio pluriennale al 2013. Lo aveva annunciato già Mario Monti e Angela Merkelprima ancora che il summit avesse inizio e lo conferma il Primo Ministro svedese al termine della due giorni di lavori:“Prevedo una decisione presa da tutti i Paesi. Abbiamo bisogno di più incontri bilaterali e non vedo strano posticipare le discussioni all’inizio del prossimo anno. Si tratta di un bilancio che entrerà in vigore soltanto nel 2014. C‘è ancora tempo”.

In ballo ci sono le prospettive finanziarie dell’Unione per il 2014-2020. La Commissione Barroso ha proposto in estate un bilancio di poco più di 1000 miliardi di euro, troppo per alcune capitali. A Van Rompuy l’incarico di lavorare su una nuova bozza di bilancio, la terza in appena una settimana.

Guy Verhofstadt, Presidente del Gruppo Allenza dei democratici e liberali al Parlamento europeo:“E’ un vertice ridicolo, una ridicola lite tra Stati membri. Perché? Perché parliamo di un bilancio europeo annuo pari a 140 miliardi di euro. Dobbiamo considere che il bilancio di uno Stato membro può essere di 6.300 miliardi di euro, quindi circa 50 volte superiore. Tutta questa discussione non è molto seria”.

A Van Rompuy l’incarico di lavorare su una nuova bozza di bilancio, la terza in appena una settimana.

La nostra inviata dal vertice Margherita Sforza:“I leader europei cercano di sdrammatizzare e mantenere un’atmosfera costruttiva. Concludere precipitosamente i negoziati è stato un modo di evitare la rottura con la Gran Bretagna, almeno per il momento”.