ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Repubblica Democratica del Congo: Goma stretta d'assedio

Lettura in corso:

Repubblica Democratica del Congo: Goma stretta d'assedio

Dimensioni di testo Aa Aa

Si spara di nuovo a Goma. Alla periferia della città della Repubblica Democratica del Congo l’esercito e i ribelli del Movimento 23 Marzo si affrontano a colpi di arma da fuoco mettendo in fuga i civili. Gli scontri avvengono all’indomani dell’avanzata dei miliziani che hanno conquistato i quartieri più a nord.

Nella città restano schierati 6700 uomini delle Nazioni Unite che, secondo il segretario generale Ban Ki Moon, dovrebbero proteggere la popolazione.

Goma è la capitale della provincia orientale del Nord Kivu, regione dall’importanza mineraria strategica. Così il colonnello Innocent Kayina, comandante di M23: “Il nostro obiettivo principale era solo di arrivare fino a qui per far capire la nostra causa. Non abbiamo intenzione di entrare in Goma ma se l’esercito congolese ci attacca allora entreremo”.

Il governo di Kinshasa intanto ha rifiutato qualsiasi tipo di negoziato con i ribelli, accusandoli di essere al soldo del vicino Rwanda. Un’accusa avallata anche da un’inchiesta delle Nazioni Unite. I miliziani invece sostengono che l’esecutivo abbia rifiutato di integrarli nell’esercito, rompendo l’accordo di pace siglato nel 2009.