ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Olanda: polemiche pre-natalizie in odore di razzismo

Lettura in corso:

Olanda: polemiche pre-natalizie in odore di razzismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Le festività natalizie sono l’occasione in Olanda per lo scontro fra tradizione e modernità politicamente corretta: migliaia di persone questa domenica al porto di Amsterdam hanno assistito all’arrivo di Babbo Natale con i suoi assistenti, tutti neri.
Figure introdotte a metà ottocento, quando esisteva lo schiavismo, e questo alimenta la polemica. Un attivista, la cui protesta fu duramente repressa lo scorso anno, ora ci riprova. Dice che gli Zwarte Pieten rappresentano una visione razzista:

“Ai tempi dello schiavismo, l’idea generale era che i neri valessero meno dei bianchi. Ora siamo nel 2012 e dobbiamo riconoscere che idee di quei tempi non si applicano ai nostri”

L’arrivo di Santa Klaus, Sinterklaas in olandese, con i suoi Zwarte Pieten però è una festa tradizionale, il 5 dicembre distribuiranno dolci ai bambini, secondo molti non è proprio il caso di farne una polemica:

“Possiamo esser certi che Amsterdam è una città davvero multi-culturale, non ci si può accusare di razzismo”

“Da ragazzina ho avuto l’impressione che la tradizione potesse essere razzista, ma ora non lo penso: semplicemente, gli Zwarte Pieten sono neri perché si arrampicano nei camini”

L’ufficio anti-discriminazione regionale solitamente riceveva una o due proteste ogni anno per gli Zwarte Pieten: l’anno scorso sono state più di cento.