ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Londra in Europa, nonostante gli euroscettici". In Uk la paura di un isolamento fa discutere

Lettura in corso:

"Londra in Europa, nonostante gli euroscettici". In Uk la paura di un isolamento fa discutere

Dimensioni di testo Aa Aa

Finanza, governo e opposizione si dicono d’accordo: per il Regno Unito restare in Europa è decisivo. E’ quanto emerso dal vertice promosso dalla Confindustria britannica, che ha fatto appello alle istituzioni affinché isolino gli euroscettici ed evitino l’isolamento del paese sulla scena economica.

Un appello avanzato anche da Roger Carr, presidente dell’associazione padronale. “Sebbene la richiesta che pare arrivare dai cittadini sia quella di ritirarci, uomini d’affari e politici devono tenere stabile e fermo il ponte con l’Europa”.

Per Londra il rapporto con l’Unione europea è da quaranta anni fonte di tensioni. Ma il commercio con l’Ue vale quasi la metà delle esportazioni britanniche.

“Ho congelato dei benefit, ho congelato alcuni stipendi, ho tagliato alcune spese del 30 per cento. – ha detto il premier Cameron. Semplicemente non è credibile andare in Europa e dire: bene abbiamo preso tutte queste decisioni difficili a casa, ma quando si tratta di discutere del bilancio europeo non facciamo altro che vederllo spingere verso l’alto”.

Un’accusa subito respinta dal presidente francese Hollande, che pur senza nominarla, ha criticato la Gran Bretagna per le sue richieste di tagliare i versamenti europei.