ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuove proteste ad Amman, re Abdullah II nel mirino

Lettura in corso:

Nuove proteste ad Amman, re Abdullah II nel mirino

Dimensioni di testo Aa Aa

La protesta contro il caro benzina in Giordania coinvolge anche re Abdullah II.

I manifestanti, in gran parte giovani, hanno tentato di raggiungere il palazzo reale, ma sono stati bloccati dalla polizia.

La mobilitazione di piazza è esplosa subito dopo l’annuncio da parte del governo di un aumento del 53% del costo del gas per uso domestico e del 12% della benzina.

“Chiediamo un passo indietro al regime – dice una giovane manifestante – Gli aumenti dei prezzi non sono l’unico problema, devono andare via anche per i soldi che hanno rubato”.

“Protestiamo da tre giorni e nessuno accoglie le nostre richieste – aggiunge una ragazza di Amman – Non abbasseranno il prezzo del carburante e l’inverno sta arrivando. Tra poco avremo bisogno di più gas per riscaldare le case e le nostre richieste devono essere soddisfatte”.

Gli slogan contro il monarca sono una novità nel regno hashemita e le tensioni sembrano destinate a salire. Le opposizioni hanno indetto una nuova manifestazione vicino alla sede del ministero dell’Interno.

I Fratelli musulmani chiedono al re di cancellare gli aumenti, creare un governo di unità nazionale e rinviare le elezioni del 23 gennaio.