ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza: fuoco durante le tregua

Lettura in corso:

Gaza: fuoco durante le tregua

Dimensioni di testo Aa Aa

Si continua a sparare a Gaza. Raid aerei israeliani da un lato, lanci di razzi palestinesi dall’altro non sembrano essersi fermati nemmeno durante la visita del premier egiziano Hisham Kandil. I palestinesi lamentano altre due vittime questa mattina per uno scoppio nel campo profughi di Jabalya, ma Israele nega di esserne la causa e di avere rotto la tregua.

Lo Stato ebraico aveva accettato la richiesta del Cairo di interrompere le operazioni per qualche ora, ma a condizione che non piovessero sul suo territorio altri Kassam, che hanno invece continuato ad essere lanciati.

Nella notte l’aviazione dello Stato ebraico ha condotto 130 raid.

I bombardamenti dei due giorni precedenti avevano ucciso 19 palestinesi, tra cui 12 civili. Centinaia i feriti. Gli ospedali sono al collasso.

Nel frattempo Tel Aviv ha richiamato in servizio migliaia di riservisti e prepara un’offensiva di terra che diventa di ora in ora più probabile.

Sul fronte israeliano si contano tre morti, colpiti in un condominio di Kiryat Malachi, nel sud del Paese. Due razzi palestinesi, nonostante il sistema di difesa antimissile, sono arrivati fino a Tel Aviv.

Secondo lo Stato ebraico, è necessario distruggere gli arsenali palestinesi e sarebbero oltre un milione gli israeliani potenzialmente raggiungibili dai tiri di Hamas e della Jihad islamica.