ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Onu chiede la fine delle violenze a Gaza

Lettura in corso:

L'Onu chiede la fine delle violenze a Gaza

Dimensioni di testo Aa Aa

La violenza a Gaza deve cessare. Questo il messaggio dell’Onu, riunito in seduta straordinaria dopo il riacutizzarsi della tensione e le nuove vittime provocate dal raid israeliano nella Striscia.

Tutti d’accordo per la condanna, anche se nessuna azione verrà intrapresa dal palazzo di vetro, palcoscenico privilegiato dei timori degli uni e delle rivendicazioni degli altri:

“Condanniamo nei termini più forti possibili questa recente aggressione contro il nostro popolo”, ha commentato Ryiad Mansour, ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite, “La situazione è molto esplosiva. Stanno mobilitando un gran numero di forze, forze di terra, con la possibilità reale che si muovano verso la Striscia di Gaza”.

Israele per bocca del suo ambasciatore all’Onu, Ron Prosor, parla di diritto all’autodifesa: “Ogni stato, ogni nazione, ogni governo ha il diritto di proteggere i propri cittadini. Non permetteremo che la situazione continui. Qualsiasi interpretazione distorta di questa sequenza di eventi o fatti non porterebbe la pace nella regione, ma, al contrario, ad altra violenza”.

Solidale con Israele la Casa bianca, che chiede però “ogni sforzo per evitare vittime civili”, mentre l’Egitto per protesta richiama il suo ambasciatore in Israele e la Lega araba si riunisce d’urgenza sabato.