ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele muove le truppe di terra verso Gaza

Lettura in corso:

Israele muove le truppe di terra verso Gaza

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel secondo giorno dell’operazione Pillar of Defense, ‘colonna di difesa’, l’esercito israeliano sposta le truppe di terra verso Gaza

La miccia che ha scatenato l’escalation di lanci di razzi verso Israele e di raid di rappresaglia israeliani è stata l’uccisione del capo del braccio militare di Hamas, Ahmed Jabari.

L’esercito di Tel Aviv ha ottenuto il via libera per richiamare in servizio i riservisti e subito dopo è arrivato l’ultimatum del premier Benjamin Netanyahu ad Hamas:

“Nelle ultime 24 ore Israele ha messo in chiaro che non tollererà attacchi missilistici contro i civili – ha detto Netanyahu – Mi auguro che Hamas e le altre organizzazioni terroristiche a Gaza recepiscano il messaggio. In caso contrario, Israele è pronto a prendere tutte le iniziative necessarie per difendere il suo popolo”.

Come già accadde per l’operazione Piombo fuso nel 2006, l’aviazione israeliana ha avvertito la popolazione palestinese di tenersi lontana dai miliziani e dalle strutture di Hamas.

“Tutte le opzioni sono sul tavolo, compresa la possibilità di un’operazione via terra, abbiamo allertato i riservisti e attualmente stiamo pianificando i nostri prossimi passi – spiega il portavoce dell’esercito israeliano Avital Leibovich – Stiamo colpendo diversi obiettivi dal cielo, le basi di lancio, i depositi di razzi, i tunnel sotterranei e altri obiettivi”.

I caccia e i droni israeliani hanno bersagliato per tutta la notte obiettivi palestinesi, depositi di armi e covi di Hamas. Una campagna aerea intensa come non accadeva da quattro anni.