ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda, morta per negato aborto: "Siamo un Paese cattolico"

Lettura in corso:

Irlanda, morta per negato aborto: "Siamo un Paese cattolico"

Dimensioni di testo Aa Aa

I medici rifiutano di farla abortire e lei muore per setticemia. “L’Irlanda è un Paese cattolico” hanno risposto a Savita Halappanavar, 31 anni, di orgine indiana e incinta alla 17esima settimana. La donna si era recata in ospedale in preda a forti dolori, alla richiesta di interrompere la gravidanza, avanzata per tre giorni, la risposta è stata sempre no. Il caso ha riaperto il dibattito sul diritto all’interruzione della gravidanza nel Paese.

James Reilly, Ministro della Salute:
“Ovviamente il caso verrà indagato dalla commissione competente, non credo debba aggiungere altro, oltre a esprimere le mie condiglianze alla famiglia”. Ma Sinead Ahem del Gruppo “Irlanda Scegli” insiste: “Ogni volta che il governo non agisce per legiferare su un “caso x”, abbiamo perso un altro giorno nella difesa dei diritti delle donne”. Tre giorni di agonia e poi Savita si è spenta all’ospedale di Galway, il suo cuore si è fermato alcune ore dopo quello del feto. Inconsolabile il marito: “Se l’avessero fatta abortire sarebbe ancora viva”.