ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Europa in piazza, Merkel: "Necessario andare avanti"

Lettura in corso:

Europa in piazza, Merkel: "Necessario andare avanti"

Dimensioni di testo Aa Aa

La mobilitazione europea contro l’austerità costituisce un precedente ma difficilmente inciderà per un cambio di rotta. Nella memoria della giornata resta la partecipazione in 23 Paesi, lo sciopero coordinato e le violenze che hanno attraversato Italia, Spagna e Portogallo, dove si stimano in totale circa 150 feriti e oltre 250 fermati. L’appello alla fine dei tagli e al ritorno ad un’Europa sociale, come richiesto dai sindacati, ha assunto la forma del lancio di uova contro l’ambasciata tedesca a Bruxelles. Per Angela Merkel, da più parti identificata come il bersaglio della protesta, la strada intrapresa è quella da percorrere fino alla fine.

Da Berlino la cancelliera tedesca ha affermato: “Prenderemo, certo, in considerazione le proteste, ma ciò che è necessario fare è agire sul mercato del lavoro dei Paesi in difficoltà, dando più opportunità alle persone soprattutto ai giovani, aumentando la flessibilità. Chiariremo ancor meglio questo, nei nostri colloqui con i sindacati”.

Circa 3 mila persone sono scese in piazza ad Atene. La protesta di fronte al Parlamento ha assunto la scenografica forma di un pupazzo che simboleggia il Paese, prima strattonato e poi sollevato in segno di trionfo.