ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Beaujolais: spillato dalle botti il novello di Francia

Lettura in corso:

Beaujolais: spillato dalle botti il novello di Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

È arrivato il Beaujolais nouveau. Formula di rito per salutare il novello di Francia, anche quest’anno spillato dalle botti allo scoccare della mezzanotte, finito il terzo mercoledì di novembre, come vogliono legge e tradizione.

A Lione, come nella vicina regione di produzione, è il via alla cerimonia dell’assaggio: 12 appellazioni, oltre il bianco, di un’annata dimezzata dal maltempo e dalla grandine estiva.

Locali e stranieri brindano al novello d’oltralpe, che ha i suoi estimatori soprattutto in Giappone:

“I francesi dicono che ogni anno questo vino ha il gusto di un frutto diverso: una volta è fragola, un’altra volta è ciliegia”, commenta un giovane, “Ma non è vero, il sapore è sempre lo stesso: il migliore. Salute e felicità”.

Snobbato dagli enologi, minacciato dalla crisi e dal calo dei consumi, il Beaujolais, leggero nel tasso alcolico e nel prezzo, vende comunque 36 milioni di bottiglie l’anno in 110 paesi.