ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I portoghesi in piazza. Primo problema: la disoccupazione

Lettura in corso:

I portoghesi in piazza. Primo problema: la disoccupazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Una disoccupazione record del 15,8%. Nel giorno dello sciopero generale i portoghesi scoprono i poco incoraggianti dati del terzo trimestre economico. È anche per questo che i lavoratori hanno aderito alla mobilitazione europea. E chi non può partecipare non è contento:

“Siamo costretti a lavorare per via dell’obbligo del servizio minimo – dice un conducente d’autobus – Altrimenti ci tolgono i soldi dallo stipendio e fanno partire una procedura disciplinare”.

“Ho consultato l’orario dei traghetti – dice un’utente dei trasporti pubblici – Sapevo che avrei trovato un battello per arrivare a Lisbona da Cacillas e adesso sto aspettando l’autobus”.

In cambio di un aiuto finanziario accordato nel maggio dell’anno scorso, Il Portogallo si è impegnato a varare un programma di rigore che però, invede di guarirla, ha aggravato la recessione iniziata a fine 2010.