ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: divergenze all'eurogruppo, slittano gli aiuti

Lettura in corso:

Grecia: divergenze all'eurogruppo, slittano gli aiuti

Dimensioni di testo Aa Aa

La tassa sulle transazioni finanziarie e i meccanismi di sorveglianza bancaria sono all’ordine del giorno dei ministri delle finanze questo martedi’ a Bruxelles. Ma il dibattito è ancora dominato dalle conclusioni dell’eurogruppo sulla Grecia di lunedi’. Atene dovrà aspettare per aver la nuova tranche di aiuti di 31 miliardi di euro.

“Il nostro obiettivo- spiega il ministro delle finanze francese Pierre Moscovici- è di raggiungere un accordo il 20 novembre, in modo da poter seguire tutte le procedure di convalida e sbloccare i fondi entro la fine del mese”

I ministri delle finanze della zona euro vogliono dare due anni in piu’ alla Grecia per riportare il debito al 120 % del PIL, un livello considerato sostenibile. Ma la Germania, attraverso il ministro delle finanze Wolfgang Schäuble, avverte:

“ Abbiamo bisogno di un meccanismo affidabile per controllare l’effittiva applicazione di quello che è stato dichiarato. Non è una questione di sfiducia nei confronti del governo greco, ma è una lezione che abbiamo imparato dal passato”.

Se il Fondo Monetario Internazionale preme perchè i governi europei cancellino una parte del debito greco, la Germania è nettamente contraria per timore di scontentare l’elettorato tedesco.

Rudolph Herbert, euronews:
“Con una conferenza stampa congiunta i ministri delle finanze francese e tedesco hanno voluto dar prova di una visione comune sul debito greco. – Spiega l’inviato di Euronews- Non ci saranno altri sforzi per i creditori pubblici. Ma non è chiaro quale meccanismo sarà utilizzato per dare piu’ tempo alla Grecia senza dare al paese un nuovo piano di salvataggio”