ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tokio: cittadini dicono "no" al nucleare

Lettura in corso:

Tokio: cittadini dicono "no" al nucleare

Dimensioni di testo Aa Aa

Grande manifestazione a Tokio per ricordare al governo la promessa di abbandonare definitivamente la strada dell’energia nucleare. La manifestazione pochi giorni dopo che la Tepco, l’azienda proprietaria dell’impianto di Fukushima, distrutto dal terremoto e dallo Tsunami del marzo 2011, aveva chiesto altri 120 miliardi di dollari per bonificare l’area della tragedia.
Molti giapponesi sono sempre più convinti che il nucleare non sia poi un buon affare. “Sono preoccupata per le prossime generazioni”, dice questa donna, “il Giappone non ha bisogno di centrali del genere”.
Dice un altro cittadino: “Voglio che i miei figli imparino da me e da mia moglie a combattere per i loro diritti”.
Malgrado i tentativi della lobby pronucleare di mettere la sordina alle proteste, sempre più cittadini stanno scendendo in strada per chiedere energie alternative. Se verranno rispettate le promesse, il Giappone dovrebbe spegnere l’ultimo reattore nel 2030.