ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marijuana: corte federale Usa potrebbe bloccare sì a legallizzazione

Lettura in corso:

Marijuana: corte federale Usa potrebbe bloccare sì a legallizzazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Negli Stati Uniti, Colorado e Washington sono i primi a legalizzare il possesso e la vendita di marijuana per uso ricreativo.

La vittoria al referendum potrebbe avere però vita breve: la legge federale considera la pianta un narcotico illegale.

Tre i possibili scenari: un giro di vite proibizionista, riforma della legge, ma anche un effetto domino.

“Il governo federale probabilmente ci imporrà di fare un passo indietro perché non si può depenalizzare a livello statale – ammette il governatore del Colorado John Hickenlooper – Credo però che dobbiamo lavorare per decriminalizzarla. Gli elettori hanno detto chiaramente ciò che vogliono. Quindi, entro i limiti del diritto federale e nell’ambito di ciò che permetterà il governo federale, dobbiamo capire come procedere”.

I due Stati guadagnerebbero dalla legalizzazione mezzo miliardo di euro all’anno in tasse e a Seattle gli antiproibizionisti promettono battaglia: “Oggi, lo Stato di Washington ha guardato indietro a 75 anni di pribizionismo e ha detto è l’ora di un nuovo approccio”, ha detto da Seattle il direttore dalla campagna per il sì alla legalizzazione, Alison Holcomb.

In Colorado sarà permesso il possesso di 28 grammi di marijuana e si potranno coltivare fino a 6 piante. Ma si attende a breve un pronunciamento della corte federale che potrebbe arginare l’ondata liberale.