ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa 2012. Dal cimitero alla spiaggia: un vero voto democratico

Lettura in corso:

Usa 2012. Dal cimitero alla spiaggia: un vero voto democratico

Dimensioni di testo Aa Aa

Pensate un luogo bizzaro per andare a mettere una scheda elettorale in un’urna…

Appunto: urne. Ma urne funerarie. E’ tra le mura di un cimitero che gli elettori di San Francisco si sono recati a votare. E qualcuno si dice pure entusiasta.

“Mi piace! I residenti qui sono molto, molto tranquilli. Non danno fastidio a nessuno. Non sono nemmeno registrati” scherza un elettore.

Per chi preferisce gli aromi di lavanda alle atmosfere tipo Halloween, c‘è invece il seggio di Chicago collocato in una lavanderia. Secondo la presidente del seggio, che da un lato si voti e dall’altro si lavi non dà poi tanto fastidio. Anzi.

“Non ci faccio caso” dice. “Anzi, ogni volta mi riprometto di portare i panni sporchi quando devo venire al seggio. Ma alla fine desisto sempre”.

Ma è a Venice Beach, in California, che si assapora il vero piacere dell’esercizio democratico. Tra un’onda e l’altra, una partita a beach volley e un colpo di tintarella, compiere il proprio dovere di elettore fa rimpiangere che le presidenziali arrivino solo ogni 4 anni.