ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama: storia di un Presidente e della sua doppia conquista

Lettura in corso:

Obama: storia di un Presidente e della sua doppia conquista

Dimensioni di testo Aa Aa

Era Il 5 novembre 2008 quando Barack Obama venne eletto per la prima volta Presidente degli Stati Uniti. La vittoria commosse fino alle lacrime il reverendo Jesse Jackson. Obama fu il primo afroamericano della storia ad arrivare alla Casa Bianca.
Durante il discorso, parlò di un sogno divenuto realtà; un sogno che quest’anno si ripete per la seconda volta.

Barack Obama nasce alle isole Hawaii il 4 agosto 1961 da un keniano e da una statunitense orginaria del Kansas. I genitori si separano nel 1963. Molto importanti per la sua formazione di quegli anni sono i nonni, che lo crescono nel mito del sogno americano.

Trovatosi a gestire la più grave crisi economica dal 1929, il democratico Obama riesce a risollevare in parte le sorti del paese. Ma i primi risultati positivi arrivano solo nel settembre di quest’anno: il tasso di disoccupazione cala dall’8,1% al 7,8%. È il dato più basso dal gennaio 2009.

La riforma che viene considerata più importante è quella della sanità. La speaker della Camera Nancy Pelosi parlò dei grandi progressi che avrebbe comportato.
Tra le decisioni prese: un’assicurazione sulla salute per tutti e l’aumento del numero di persone tutelate dal sistema sanitario, 32 milioni in più.

A chi gli rinfaccia di non aver fatto abbastanza in politica estera, Obama risponde: “Chiedetelo a Osama Bin Laden”. Il capo di Al Qaeda, l’uomo più temuto al mondo dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, viene catturato e ucciso durante un blitz in Pakistan nel maggio 2011. L’America e il mondo intero esultano.

Altro cavallo di battaglia: il voto anticipato. Secondo i sondaggi, gli americani che hanno seguito il meccanismo dell’early vote si sono dimostrati favorevoli a Obama. Si tratta soprattutto di minoranze come neri e cittadini latinoamericani, le fasce della popolazione più svantaggiate. E lui stesso, Obama è stato il primo presidente degli Stati Uniti a votare prima della data delle elezioni.