ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Come saranno gli pneumatici del futuro?

Lettura in corso:

Come saranno gli pneumatici del futuro?

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuovi materiali per gli pneumatici potrebbero comparire nella nostra vita quotidiana di automobilisti.

Per capire meglio l’evoluzione delle gomme nei prossimi anni, euronews ha incontrato Peter Snel, direttore di Sviluppo e Risorse di Apollo Tyres, e Hans Mooibroek, coordinatore del progetto Eu-Pearls a Wageningen, nei Paesi Bassi.

Il primo ci fà subito un esempio:
“Abbiamo un pneumatico fatto in gomma di pianta di Guayule, anziché con la gomma naturale standard che usiamo per le nostre ruote. Poi ce n‘è uno, in lattice di soffione, invece che in caucciù normale” dice Peter Snel, mostrando le due versioni.

L’esperto olandese Apollo Vredestein ha creato alcuni prototipi realizzati in gomma estratta da una pianta del deserto e da un tipo di soffione.

Positivo il primo riscontro da parte dei guidatori durante i test realizzati su circuito.

“Specialmente nell’aderenza sul bagnato”- continua Snel – “abbiamo ottenuto un risultato addirittura migliore rispetto a quello del classico pneumatico in caucciù. Bisogna ancora lavorare su resistenza e consistenza, ma questi nuovi materiali hanno un potenziale enorme”. .
Gli pneumatici sono stati sviluppati in laboratorio nell’ambito di un progetto di ricerca europeo. Lo scopo era trovare piante alternative che producessero gomma naturale.

“Il soffione russo nasce sulle montagne del Kazakhstan, vicino al confine con la Cina. Il Guayule cresce in zone semidesertiche, come il sud della Spagna o il Nord Africa” dice Hans Mooibroek.

I ricercatori hanno scelto piante europee che producano gomma di buona qualità.

“Abbiamo estratto il materiale da un soffione russo piantato in Germania dopo un esperimento. Si può anche ottenere il caucciù direttamente dal guayule, che ha un forte peso molecolare e un’ottima elasticità, qualità necessarie per la fabbricazione delle gomme” afferma Mooibroek.

L’azienda di Apollo Vredestein, però, non intende abbandonare dall’oggi al domani i materiali usati finora.

Ma quando saranno disponibili gli pneumatici fatti in gomma di soffione?

“Da un punto di vista tecnologico, molto presto” risponde Peter Snel. “Da quello commerciale, la coltivazione massiccia di queste piante e la loro lavorazione industriale richiedono molto più tempo”.