ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: momenti chiave della campagna elettorale

Lettura in corso:

Usa: momenti chiave della campagna elettorale

Usa: momenti chiave della campagna elettorale
Dimensioni di testo Aa Aa

Una campagna lunga e bellicosa, 17 mesi per convincere, sei miliardi di dollari investiti, 14 comizi in 12 Stati solo negli ultimi giorni: la corsa alla Casa Bianca tra Barack Obama e Mitt Romney si è rivelata molto più serrata del previsto.

Il presidente uscente, inizialmente favorito nei sondaggi di fronte a uno sfidante poco conosciuto, successivamente ha dovuto fare i conti con il ko del primo dibattito, all’inizio di ottobre. Quella sera, dedicata ai delicati temi economici, si sono giocati molti voti.

“Ho avuto cinque figli e quindi sono abituato a sentire cose non sempre vere, cui però alla fine speravo di poter credere”, ha detto Romney. “Ma in questo caso non è così, non ridurrò le tasse pagate dagli statunitensi con redditi elevati”.

Obama ha riaffermato l’immagine di comandante in capo, durante il dibattito sulla politica estera. Ha approfittato di un abbaglio di Romney per affondare il pugnale, con ironia.

“Lei ha citato la marina, e noi abbiamo meno navi di quante ne avessimo nel 1916. Bene, governatore, abbiamo anche meno cavalli e baionette, perché la natura del nostro esercito è cambiata”, ha affermato Obama. “Abbiamo queste cosiddette portaerei sulle quali si posano gli aeroplani”.

Ma la campagna ha conosciuto anche momenti più rilassati, di derisione reciproca. E’ successo durante l’evento di beneficenza organizzato dall’arcidiocesi di New York.

“Le campagne possono essere ardue ed estenuanti”, ha detto Romney. “Il presidente Obama e io siamo molto fortunati di avere una persona sempre al nostro fianco, qualcuno su cui poter contare, una presenza rassicurante, senza la quale non potremmo andare avanti. Io ho la mia bella consorte Ann, lui ha Bill Clinton.”

“Ovviamente gli affari internazionali sono una sfida per ogni candidato, alcuni di voi se ne ricorderanno, dopo il mio viaggio all’estero nel 2008 fui assediato come una celebrità, perché ero molto popolare per i nostri alleati oltreoceano”, ha contrattaccato Obama. “Devo dire che sono impressionato nel vedere come il governatore Romney sia stato abile nell’evitare il problema”.

L’evento, che ha raccolto cinque milioni di dollari per le associazioni caritative religiose,
aveva anche un importante valore politico. Convincere i votanti cattolici, che tradizionalmente cambiano posizione di elezione in elezione.