ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Haiti devastata da Sandy, un milione a rischio fame

Lettura in corso:

Haiti devastata da Sandy, un milione a rischio fame

Dimensioni di testo Aa Aa

Un milione di persone rischia di non aver nulla da mangiare ad Haiti, a causa degli enormi danni provocati dall’uragano Sandy. E’ l’allarme lanciato dalle Nazioni Unite.

Devastati i campi del sud del Paese caraibico, già provato dalla siccità che aveva colpito il nord, dall’uragano Isaac abbattutosi ad agosto, e dalle ferite lasciate dal sisma di due anni fa. Il settore agricolo ha subito perdite per 104 milioni di dollari, sostiene il governo.

“Dopo il passaggio dell’uragano Sandy, abbiamo perso tutto, piantagioni, mucche e alcuni di noi hanno perso la casa”, afferma un agricoltore. “Inoltre c‘è chi è scomparso a causa delle inondazioni. Ora stiamo cercando di piantare di nuovo questo riso che ci è rimasto, ma senza l’illusione che veda la prossima raccolta, poiché abbiamo imparato che ci saranno altre tempeste”.

Quest’ennesima emergenza fa aumentare ulteriormente i prezzi del cibo, già elevati prima dell’arrivo di Sandy. Nel 2008 il caro-vita causò violente proteste nel Paese più povero delle Americhe.

“Una scodella di riso viene venduta a 25-30 dollari haitiani”, dice una commerciante. “Prima era venduta a 15-20. Non possiamo andare nel paese vicino per comprare riso, il nostro è un grido di aiuto affinché i prezzi vengano ridotti”.

Gli haitiani continuano a lottare per riparare i danni dell’uragano che ha fatto più morti qui che altrove, oltre 50, e danneggiato o distrutto le case di 20.000 persone. Ora si teme un aumento dei casi di colera, due anni fa l’epidemia provocò più di 7000 decessi.