ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dopo Sandy, la vita riprende

Lettura in corso:

Dopo Sandy, la vita riprende

Dimensioni di testo Aa Aa

Liberare le strade da tutto quello che Sandy ha lasciato non sarà facile, ma gli abitanti del New Jersey si sono messi in moto perché la normalità torni nelle loro vite. Sono almeno 64 le vittime del ciclone in tutto il Paese, i danni superiori a 50 miliardi.

Ci vorrà tempo. Ne occorrerà ancora parecchio perché in tutte le case possa tornare l’elettricità. Ne sono ancora privi oltre 6 milioni tra case ed esercizi commerciali. Ma sono già circa 2 milioni e mezzo meno della punta massima.

Anche New York è al lavoro per rimettersi a nuovo. Poco alla volta riprendono attività grandi e piccole. Hanno riaperto due dei tre aeroporti, il terzo scalo, La Guardia, tornerà a funzionare oggi. Ha riaperto i battenti Wall Street. Torna a funzionare parzialmente il trasporto pubblico, che sarà gratuito oggi e domani. Dovrebbe svolgersi normalmente, o quasi, la maratona in programma domenica.

“È una catastrofe. Ci vorrà tempo per superarla. Almeno due settimane e mezzo perché tutto sia a posto”.

Ci vorrà molto più tempo a Breezy Point. Qui dove il ciclone ha colpito più forte, radendo completamente al suolo oltre 80 abitazioni. E dove c‘è gente che ha perduto tutto, meno che la speranza.

“Quando arrivò il precedente…Irene, avevamo impacchettato tutto. Questa volta non l’ho fatto ed è per questo che ho perso tutto. Ma ho ritrovato le foto di mio nipote. L’ho perduto l’anno scorso. Al confronto questo è niente”.