ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sandy: Bloomberg, "danni senza precedenti"

Lettura in corso:

Sandy: Bloomberg, "danni senza precedenti"

Dimensioni di testo Aa Aa

È stata una tempesta storica, per prendere in prestito le parole usate dal sindaco di New York Michael Bloomberg. La devastazione causata da Sandy è stata senza precendenti.

Inondazioni, roghi e un esteso blackout hanno paralizzato New York con metropolitana e aeroporti che resteranno chiusi.

Il sindaco Michael Bloomberg fa un primo bilancio dei danni: “Non commettete errori – ha dichiarato Michael Bloomberg – è stata una tempesta devastante, forse la peggiore che abbiamo mai vissuto. Oltre alle vite perse, i danni che tutta la città ha subito sono enormi e non si saneranno in una notte. Le due più grandi sfide per il futuro della nostra città sono il ripristino del sistema dei trasporti e dell’ approvvigionamento dei generi alimentari.”

L’uragano Sandy ha causato almeno 10 vittime a New York. Lo “stato di calamità’‘ dichiarato dal presidente americano Barack Obama si tradurrà in uno stanziamento di fondi, per far fronte all’emergenza causata dai danni alle infrastrutture e dagli allagamenti.

Allarme a Battery Park, sulla punta sud di Manhattan davanti al Financial District, dove l’acqua ha superato i quattro metri di altezza, battendo il record dell’uragano Donna del 1960. L’inondazione è arrivata fino a Ground zero. Il mare comincia a ritirarsi a Lower Manhattan ma l’uragano continua la sua corsa verso il Canada.

Durante la notte, momenti di tensione negli ospedali, in quello della New York University sono stati evacuati 215 pazienti più gravi, il black out nel Lower Est Side ha messo fuori uso il generatore autonomo di energia elettrica.

Resta alta l’allerta per Sandy che, anche se declassato a tempesta post-tropicale, è un pericolo per i 60 milioni di abitanti della costa est degli Stati Uniti.