ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I russi per la prima volta re del tatami

Lettura in corso:

I russi per la prima volta re del tatami

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ la Russia a laurearsi Campione del Mondo. Non ce la fa il Giappone a ripetere il successo conquistato con le donne. Nella seconda e ultima giornata dei Mondiali di judo a squadre, a Salvador, in Brasile, gli uomini falliscono, accontentandosi per cosi’ dire dell’argento.

E pensare che i nipponici conducevano 2-0 sui russi, dopo i primi due combattimenti. Le vittorie nelle categorie sotto i 66 e sotto i 73 chili, rispettivamente di Ebinuma e Awano, creano l’illusione della doppietta.

Illusione subito spenta dal successo di Murat Khabachirov, nei -81 chili. Al termine di un incontro molto tattico, la decisione viene presa da due penalità inflitte al Giappone, che si trasformano in un punto per la Russia.

Il secondo, il punto del pareggio, arriva nella categoria sotto i 90 chili, mentre il terzo, che vale la vittoria finale, lo conquista Alexander Mikhaylin, facendo suo il combattimento per la categoria over 90. L’argento Olimpico a Londra 2012, con uno yuko mette al tappeto Ryu Schichinohe, consegnando ai russi il loro primo titolo di Campioni del Mondo a squadre.