ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nazionalismi in forte espansione

Lettura in corso:

Nazionalismi in forte espansione

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo Stato centrale spagnolo ha accumulato un deficit di 50,13 miliardi di euro nei primi otto mesi del 2012, pari al 4,77% del Pil e del 23,8% in più sullo stesso periodo del 2011. Lo ha reso noto il governo di Madrid che stima tuttavia che il deficit è sotto controllo. Al di là delle posizioni di principio i risultati delle elezioni regionali nel Paese Basco e in Galizia arrivano in un momento cruciale per i movimenti autonomi. Il 14 novembre è stato convocato uno sciopero generale, il secondo dell’era Rajoy, in un contesto dominato dal fantasma del salvataggio dell’economia, dopo quello bancario e in attesa delle misure draconiane messe in atto dall’esercutivo il cui obiettivo è un taglio al deficit.

Nel 2011 il prodotto interno lordo annuo pro capite è di certo piu’ alto nel paese Basco e in Catalonia con un un tasso di disoccupazione che è piu’ basso che nell’intera Spagna: il che dopo i risultati delle elezioni di domenica puo’ tradursi in una spinta alle forze nazionaliste.

Intanto la Catalogna risulta attualmente la regione più indebitata tra le 17 comunità autonome in cui è suddivisa la Spagna, con un debito di 44 miliardi di euro, pari al 22% del Pil. A fine agosto il Governo di Barcellona si era visto costretto a chiedere un aiuto di 5 miliardi di euro a Madrid per poter far fronte al rimborso del debito