ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Guerriglia in Libano, interviene l'esercito

Lettura in corso:

Guerriglia in Libano, interviene l'esercito

Dimensioni di testo Aa Aa

In Libano si cerca di evitare il caos. Dopo l’attentato di venerdì a Beirut con l’uccisione del capo dell’intelligence Wissam al Hasan, l’esercito libanese prova a spegnere le tensioni.

Gruppi armati si sono fronteggiati per ore facendo uso di artiglieria leggera a Beirut e Tripoli: 7 i morti nella lotta tra sunniti e sciiti che coinvolge il governo di Najib Mikati.

L’opposizione del sunnita Saad Hariri si è detta pronta a rovesciare l’esecutivo ed è scesa in piazza. Negli stessi minuti i militari si dispiegavano nella capitale. Dalla guerra civile del 1990, è la prima volta che l’esercito interviene con tale fermezza.

Intanto, dalle indagini sull’attentato emerge che al Hasan doveva incontrare un parlamentare libanese destinatario di un messaggio di minaccia arrivato da un telefono siriano. Il messaggio era stato inviato a quattro deputati e, dopo l’attacco, è stato seguito da un avvertimento: ‘Il conto alla rovescia è iniziato’.